Il 19 ottobre il Consiglio provinciale di Brescia ha approvato le regole sulla gestione del Servizio Idrico Integrato, che avrà un gestore unico a livello provinciale. Ma nessuno dei consiglieri della maggioranza rossa-azzurra del Broletto ha fugato i dubbi di alcuni Consiglieri provinciali che non hanno approvato il provvedimento.
Il gruppo consigliare COMUNI IN PROVINCIA si è astenuto. “Siamo d’accordo sulla forma di gestione proposta, tra l’altro l’unica possibile arrivata a questo punto, visto anche il parere della Regione – ha affermato il Consigliere Nicoletta Benedetti – ma la misura della partecipazione dei privati nella nuova società che gestirà il Servizio non è adeguatamente indicata. Nella delibera si legge che la percentuale del privato dovrà essere superiore al 40%, ma non si indica un tetto massimo.
Chi ci garantisce che la maggioranza rimarrà pubblica?